Ti trovi qui:Home»Comunicati Stampa»UPI (Unione delle Province d'Italia) Abruzzo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Venerdì, 30 Aprile 2021 09:29

UPI (Unione delle Province d'Italia) Abruzzo

Regione Abruzzo disponibile a restituire le funzioni alle Province

Positiva l'apertura del Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, alla proposta di sostenere il dibattito nazionale condotto dall'UPI (Unione delle Province d’Italia) sulla revisione della legge n. 56/2014, per restituire un assetto dignitoso alle province sia sul piano ordinamentale sia sul piano delle competenze, attraverso la riassegnazione di funzioni che vanno anche oltre quelle indicate dalla legge DELRIO e la disponibilità ad avviare un tavolo territoriale per la revisione della legge regionale n. 32/2015, attuativa della riforma Delrio.

È quanto emerso ieri durante l’incontro promosso dall'Unione Province Italiane che ha avviato, a livello nazionale, dei confronti con le singole Regioni unitamente ai Presidenti delle rispettive Province per affrontare, anche a livello territoriale, la priorità ormai evidente di un intervento di riordino della disciplina delle province finalizzato a superare i limiti e la precarietà della legge 56 del 2014. Presenti, nella modalità di videoconferenza, il Presidente dell’UPI, Michele De Pascale, il Presidente della Giunta della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, il Presidente dell’UPI Abruzzo, Angelo Caruso.

"Nella filiera istituzionale dimentichiamo che è essenziale il livello intermedio e indispensabile un collegamento tra la regione e singoli territori – ha ribadito il Presidente dell’UPI Abruzzo, Angelo Caruso-. Registriamo in Abruzzo una crescente difficoltà dei comuni, spesso di piccole dimensioni, a rapportarsi con gli organi istituzionali di livello superiore, orfani delle province che provvedevano alla mediazione delle principali questioni territoriali. Oggi, la legge Delrio, come una mannaia, ha relegato le province allo svolgimento delle sole funzioni di viabilità ed edilizia scolastica. È indispensabile avviare un percorso condiviso di riordino delle funzioni locali in Abruzzo, allineare la normativa regionale al panorama nazionale, lasciare alla Regione l’attività di organo programmatico e legislativo. Le province, oggi confinate in un limbo, potrebbero essere destinatarie di funzioni delegate o acquisirne altre di rilevanza economica, riequilibrando l'assetto istituzionale nella sua dimensione di adeguatezza ed efficienza dei servizi, aspettative che avvertiamo prima di tutto perché, noi presidenti di province, siamo sindaci, ma fortemente richieste anche dai singoli cittadini”.

Il fallimento della riforma Costituzionale che non ha abrogato le province ma le ha lasciate, di fatto, in una situazione di incertezza,– dichiarano il Presidente della Provincia di Chieti, Mario Pupillo, di Pescara, Antonio Zaffiri e di Teramo, Diego Di Bonaventura - impone oggi alle Regioni di ripensare le scelte fatte in attuazione della legge Delrio e di orientare la legislazione a ripensare un percorso di valorizzazione delle province per attribuire funzioni di area vasta e di supporto ai comuni, nella prospettiva di agevolare il sistema dei governi locali a beneficio delle comunità territoriali.

Ufficio Stampa

Provincia dell’Aquila

Dott. Guerrini Patrizio

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.