Ti trovi qui:Home»Comunicati Stampa»"Uno scatto in blu: la Provincia dell’Aquila attraverso gli occhi dei poliziotti”

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Lunedì, 31 Maggio 2021 16:24

"Uno scatto in blu: la Provincia dell’Aquila attraverso gli occhi dei poliziotti”

Presentazione del volume alla presenza del Capo della Polizia e Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, il Prefetto Lamberto Giannini.

Il del Capo della Polizia e Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, il Prefetto Lamberto Giannini, è stato accolto presso l’Istituto Comprensivo Teofilo Patini dell’Aquila per la consegna del volume “Uno Scatto in Blu”, realizzato in collaborazione con la Provincia dell’Aquila. Il volume, attraverso gli scatti fotografici eseguiti dagli stessi uomini della Polizia di Stato, vuole testimoniare la presenza del corpo nella società, un invito alla legalità ma anche mostrare le bellezze artistiche, ambientali e architettoniche presenti nella Provincia. Ad accompagnare il Capo della Polizia, il Presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso, Questore dell’Aquila, Dott. Gennaro Capoluongo, il Prefetto dell’Aquila, Cinzia Torraco, il Sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, il Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, Antonella Tozza, il Direttore dell’Ufficio Scolastico Provinciale, Paola Iachini, e il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo, Gabriella Liberatore.

Ho accolto, con i consiglieri di maggioranza, l’invito di partecipare alla mostra “uno scatto in blu: la Provincia dell’Aquila attraverso gli occhi dei poliziotti”, inaugurata lo scorso 23 agosto all’Aquila, dichiara il Presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso- e quindi la stampa di questo volume che deve sensibilizzare i cittadini, ma soprattutto i giovani, ad acquisire la consapevolezza del valore della vita, attraverso comportamenti virtuosi e rispettosi delle regole. Viviamo ogni giorno un tempo dinamico e veloce, dove le informazioni e i rapporti corrono sulle grandi infrastrutture informatiche, ma abbiamo anche la necessità di stabilire relazioni in luoghi diversi dalla nostra residenza. La strada rappresenta ancora oggi l’elemento principale attraverso il quale è possibile raggiungere una determinata méta ma è altrettanto vero che, percorrerla in sicurezza, obbliga tutti a osservare e rispettare comportamenti e leggi per la tutela della nostra salute.”

 

Ufficio Stampa

Provincia dell’Aquila

Dott. Patrizio Guerrini

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.